JOE STRUMMER "Earthquake Weather" (1989 - Epic)

Stralci della recensione di Blue Bottazzi tratta dal Mucchio Selvaggio del 1989

Brani :
Gangsterville - King of the Bayou - Island Hopping - Slant Six - Dizzy's Goatee - Shouting Street - Boogie With Your Children - Leopardskin Limousines - Silkorsky Parts - Jewellers & Bum - Highway One Zero Street - Ride Your Donkey - Passport to Detroit - Sleepwalk

Mamma mia : l'album solista di Joe Strummer! Gi prima di appoggiarlo sul piatto, questo vinile a buon diritto in grado di evocare emozioni.
Dietro una anonima copertina sfocata che potrebbe essere tratta da un romanzo di Stephen King (un chitarrista in stivaletti da cow boy che si gode una sigaretta in piedi sul trampolino della piscina, mentre alle sue spalle il giorno finisce), si affollano i ricordi di una squassante ondata di rock& roll, il punk a Londra, i Sex Pistols bruciati come una bomba all'idrogeno in un mazzo di 45 giri. Gli anni sono passati, le prospettive modificate, e oggi sappiamo che il punk non stato la Swinging London e che i Clash non erano ne i Beatles n i Rolling Stones.

Ci nonostante l'uscita di un album che si firma Joe Strummer (sottotitolo : "tempo da terremoto") fa il suo effetto, perlomeno questa volta. Come prevedibile (o temibile) per non ci sono grosse sorprese nell'album, n in bene n in male. Nessuno si aspettava in realt che un album di Strummer nel 1989 potesse avere lo stesso impatto di uno dei Clash di dieci anni fa, per un peccato ugualmente doverlo ammettere. Il suono non si discosta troppo da quello dei Clash, anche se nessuno della vecchia band ospite delle registrazioni.

"Earthquake Weather" sembra "Sandinista!" senza The Magnificent Seven : l'autore degli hit lontano, ma i lati B ci sono ancora tutti. Nel corso di 14 brani Strummer ci sommerge di parole, un vero fiume di parole, anche se non si capisce quasi niente : folk metropolitano, ecco cosa questo album, e l'ex Clash un folk singer elettrico. Dovrebbero trasmettere le sue ballate sui mezzi pubblici a Milano.
La cosa pi noiosa , sembra impossibile, proprio la sua bella voce: monocorde, fissa, a rincorrere sempre lo stesso giro. Al contrario gli strumentisti fanno ottime cose. Lonnie Marshall un bassista puntuale, e tira persino a rincorrere Paul Simonon, ed anche le percussioni fanno il loro dovere. La vera sorpresa il chitarrista Zander Schloss, che sia all'elettrica che alla latineggiante acustica crea degli intrecci suggestivi, come l'ingresso di Slant Six, che sembre tratta da un album dei Velvet Underground (fino a che non arriva Strummer a rompere l'incanto).

I momenti veramente belli sono rappresentati dalle tre ballate acustiche ("Island Hopping" - "Sleepwalk" - "Leopardskin Limousines"), che danno l'idea di come sarebbe stato l'album se il nostro avesse rinunciato ad un poco della sua militanza ad oltranza. Da segnalare poche altre cose, fra cui il reggae di "Ride Your Donkey", l'incedere alla Morricone di "Passport to Detroit", il giro valzer del ritornello di "Highway One Zero Street".
Per chi ha nostalgia dei Clash.

PS : Nota RadioClash. Oltre ai brani citati aggiungeremmo fra i pezzi migliori : "Gangsterville" un tonico reggae "old clash style", ed il robusto rock di "Shouting Street".